Pensieri e parole

Quando è stata ufficializzata la quarantena, ero già preoccupato, ma continuavo a lavorare in modalità smart working. Dopo qualche giorno arriva la sospensione del mio contratto da stagista, perché la regione Lazio non lo prevede nello statuto. Sono rimasto chiuso in casa, senza lavorare, lontano dalla famiglia. Non sono tornato nella mia terra, alle mie origini. Continuo a pagare un affitto che senza lavoro non posso permettermi. Non posso uscire. E attendo ogni giorno un decreto salva affitti, per non dire salva stagisti.. Vorrei rendermi utile per le persone che amo. E non poter far niente per loro è distruttivo. Vorrei aiutare, ma non ho le competenze. Vorrei uscire per vedere come stanno. Sentirli respirare.. E invece mi tocca aspettare, come si aspetta un attacco frontale in trincea, senza sapere se quando sparerai, avrai eliminato un nemico o il tuo migliore amico. Come un leone in gabbia, attendo il momento per ruggire..

  • : Taormina
  • : Roma
  • : 28
  • : Stagista

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *